Novara Gospel Festival: musica antica per un futuro migliore

Emozioni, sentimenti, forza e spiritualità riempiono la sala quando il coro comincia a cantare.
La musica gospel, come è noto, ha radici antiche. Quando nel 1865 finalmente la schiavitù fu abolita, la musica nera uscì dalle piantagioni e incontrò le tradizioni musicali di origine europea. Quello che ne derivò fu un genere ispirato alla Bibbia e al Vangelo. Era nato il Gospel (Le canzoni del Vangelo) a raccontare la fatica di vivere e la fede in Dio e in un futuro migliore. Era il 1930.

Poi il Gospel uscì dalle chiese e cominciò a portare, con sempre maggior successo, il suo messaggio a un sempre crescente numero di persone.

Per la gioia di tutti gli appassionati, dal 2 al 4 ottobre al Teatro Rosmini di Borgomanero, torna il Novara Gospel Festival.
I concerti si terranno venerdì 2 e sabato 3.

Venerdì 2 dopo la tradizionale apertura dei Brotherhood, ci sarà il Main Event dell’undicesima edizione, con la partecipazione dello statunitense Isaac Simpson, cantante, autore e produttore, tra i più talentuosi artisti Contemporary Gospel, nominato agli Stellar Awards e vincitore dei prestigiosi Gospel Music Academy Awards.

Sabato 3, aprirà l’NGF Workshop Choir, il coro del Workshop con oltre 100 elementi, magistralmente diretto da Wayne Ellington, una delle migliori voci del Regno Unito, nelle vesti di vocal coach e direttore corale.
A seguire il gruppo londinese IDMC diretto da John Fisher, da oltre 20 anni sulla scena ed inseriti di diritto nella top 5 dei migliori cori gospel britannici, con oltre 100 spettacoli ogni anno tra tour, concerti, festival, workshop, oltre ad apparizioni televisive e realizzazione di spot pubblicitari come KFC Sainsbury e McDonalds.

Il festival si concluderà domenica 4 ottobre con un interessantissimo Voice Masterclass condotto dal Gospel Music Academy Award statunitense Isaac Simpson. Un’altra proposta formativa assolutamente da non perdere.
Sono aperte le iscrizioni!

Fonte immagine: Novara Gospel Festival

Show CommentsClose Comments

Leave a comment