Da Schubert a De André: la chimica del piacere musicale

Il modo di dire “canta che ti passa” non è mai stato più vero. Secondo gli studi realizzati da alcuni scienziati canadesi e pubblicati nel 2011 su Natura Neuroscience, pare infatti che la voce in musica produca il rilascio di dopamina, una sostanza che attiva i circuiti di aspettazione e gratificazione del nostro cervello.

Il 25 novembre 2014 alle 18,30 al Salone Borsa di Novara ci sarà “Sa Schubert a De André, la Chimica del piacere musicale” una conferenza-spettacolo del professor Luigi Dei che illustrerà gli aspetti scientifici della voce cantata e cercherà di penetrare il mistero psicologico che sta dietro alla percezione delle parole cantate.
Si partirà dall’A dell’amore che viene e che va di De André per arrivare fino alla Z che conclude, dando la Gute Nacht, il viaggio “d’inverno” sui sentieri della voce in musica. Si analizzeranno i misteri della voce cantata, di quella educata e ben formata dei cantanti lirici, di quelle dei cantautori, dei cantanti di musica leggera, delle rock-star e pop-star, dei jazzisti.
La conclusione sarà una: tutto dipende. Dipende dalla dopamina.

Show CommentsClose Comments

Leave a comment