Ecce Homo, Roberto Vecchioni, il jazz ed Elio

Ecco gli appuntamenti al teatro Coccia nei primi 10 (pardon, 11) giorni di maggio.

Il 6 maggio alle 21 va in scena Ecce Homo, di e con Lucilla Giagnoni, unica interprete di questa drammaturgia teatrale.
Il titolo richiama puntualmente la frase di Pilato che mostrò alla folla assatanata un uomo (per alcuni il Messia, per altri un impostore) flagellato, torturato, ridotto al  livello più infimo dell’essere umano: uno straccio di sangue e carne con in testa una corona di spine, mascherato per burla da Re del Mondo. (il corsivo e tratto dalla presentazione sul sito dell’attrice stessa).
Alla base dello spettacolo e del lavoro che c’è dietro c’è una domanda: cosa vedremmo se dicessimo oggi “Ecco l’Uomo”? Che significa, veramente, “Essere Uomini”?
Negli ultimi secoli l’Uomo ha costruito di sé l’immagine di un Re da cui dipende il destino  del mondo e delle sue creature. Ma, forse, la nostra è una favola: la favola di un Re caduto dal trono.

I biglietti costano 15€ e lo spettacolo è organizzato in collaborazione con Passio 2014.

Giovedì 8 maggio alle 21 ci sarà il concerto “Io non appartengo più” di Roberto Vecchioni. Dopo il successo del tour invernale, Roberto Vecchioni torna a Novara e si esibisce con la sua storica band composta da Lucio Fabbri (pianoforte, violino, chitarre), Massimo Germini (chitarre), Roberto Gualdi (batteria) e Marco Mangelli (basso), oltre ad un trio di archi formato da Costanza Costantino (violino), Riviera Lazzeri (violoncello) e Chiara Scopelliti (viola). In scaletta ci sono i brani del nuovo album -che dà il titolo allo spettacolo – ma anche grandi classici del repertorio del professore. I biglietti costano da 23€ a 56€ a seconda del settore.

Il 9 maggio alle 21 torna il jazz con il concerto Charity AIEF ONLUS “Soul Blues – Ty Leblanc & Nick Beccantini”.

Il concerto, con ingresso a gratuito con offerta libera, è organizzato da AIEF Onlus “Associazione Italiana Epilessia Farmacoresistente” e il ricavato sarà devoluto a favore del Centro Regionale dell’Epilessia dell’Azienda Ospedaliera Universitaria “Maggiore della Carità” di Novara per l’acquisto di un’apparecchiatura per Video-EEG prolungata.

Sabato 10 alle 21 e domenica 11 alle 16 va in scena Figaro il barbiere, con Elio di Elio e le Storie Tese.
“Figaro il barbiere” è una proposta in versione cameristica de “Il barbiere di Siviglia” di Gioachino Rossini. In questo spettacolo il narratore dialoga con il pubblico, racconta i momenti salienti e introduce i personaggi, così l’opera lirica diventa divertente, leggera e più nelle corde di un pubblico non appassionato del genere.
“Figaro è una perfetta incarnazione della nuova borghesia in ascesa, estremamente pratica e sensibile alle ragioni del denaro. Lei invece non mi paga da quattro mesi” – spiega al suo cliente Elio nelle vesti del Barbiere, in uno dei tanti passaggi sospesi a metà, tra la pastosità del linguaggio accademico e la risata liberatoria.
I biglietti costano da 15€ a 30€.

Show CommentsClose Comments

Leave a comment