Una (musica da) camera sul Lago Maggiore, grazie!

C’è una finestra affacciata sul Lago Maggiore.
Ecco che la finestra si apre.
La musica da camera può uscire così dalla camera e planare leggera leggera sulle rive del lago, per poi svicolare nei borghi e nei paesini lì sotto.
Si ferma solo davanti ai monumenti e ai luoghi caratteristici del Lago Maggiore, ed è lì che si mostra al pubblico, in tutta la sua grazia e con un’eleganza d’altri tempi.

Cos’è
Festival Lago Maggiore Musica è una rassegna di musica da camera, giunta alla sua diciottesima edizione e organizzata come ogni anno da Gioventù Musicale d’Italia.
Protagonisti della manifestazione sono i giovani artisti internazionali che si sono recentemente distinti nei più prestigiosi concorsi di tutto il mondo.
16 i concerti previsti in questa edizione avranno luogo lungo le sponde del Lago Maggiore, nelle suggestive cornici dei principali luoghi d’arte della zona, come Casa Usellini ad Arona.
Il concerto d’apertura è previsto proprio a Casa Usellini in data 26 luglio: sul palco The Arcadia Quartet, quartetto d’archi rumeno fondato nel 2006 e i cui componenti sono studenti del professor Nicusol Siraghi (membro del celebre Transylvanian Quartet).
Casa Usellini si appresta ad ospitare non solo questo, ma anche altri tre prestigiosi spettacoli nel corso della manifestazione:
– giovedì 2 agosto si esibiranno Andrey Baranov e Maria Baranova, rispettivamente violinista e pianista russi, vincitori del concorso internazionale “Regina Elisabetta” a Bruxelles nel 2012.
– giovedì 9 agosto è previsto il concerto dei Daroch Trio, i tre fratelli polacchi che con violino, violoncello e pianoforte si sono distinti in numerosi festival internazionali.
– giovedì 16 agosto suonerà Yulianna Avdeeva, la giovanissima pianista russa vincitrice del celebre concorso pianistico internazionale “Frédéric Chopin” nel 2010.
La serata finale della manifestazione è prevista in data 25 agosto, con il concerto di Sax For Fun e Giovanni Falzone a Laveno Mombello.

Perché partecipare
Il Lago Maggiore, specie nella bella stagione, splende d’una bellezza più unica che rara (e scritto da me che come ogni buon emigrante del centro Italia sono un fanatico del Lago Trasimeno, è tutto dire!): il lungolago fiorisce e il panorama si tinge di calmi colori pastello mentre le panchine in riva si riempiono, le gonne si accorciano, i pontili vengono immortalati in centinaia di fotografie e la freschezza itinerante di un buon gelato alla frutta da gustare lungo la passeggiata è più che un piacere: è pura estetica.
Che dite, aggiungiamo un sottofondo? Che so, il fior fiore dei giovani talenti della musica da camera che suonano dal vivo lì, a due passi?

Ideale per…
Amanti della buona musica, amanti del Lago Maggiore e amanti e basta.

Un assaggio della piccola grande Yulianna Avdeeva.

Show CommentsClose Comments

Leave a comment